Il Lounge di Neeks, 1

Life, Axios


Ho fallito nel mantenimento dei miei buoni propositi per l’anno nuovo, in particolare in quello relativo al non lasciare il blog in silenzio stampa per troppo tempo.
Cosa che ovviamente poi ho fatto, dato che l’ultimo aggiornamento risale a marzo.
Shame on me.
Ultimamente sono successe un po' di cose nella mia vita, che l’hanno stravolta abbastanza.
Tutta questa lunga serie di avvenimenti mi hanno portato a riconsiderare molto alcuni aspetti della mia vita, degli anni trascorsi, rivalutando completamente alcune cose che ho iniziato a vedere sotto una luce diversa.
Ma di questo ve ne parlerò la prossima volta.
Ho dato un’occhiata ai mesi passati qui nel mio Lounge, e per quando io sia felice di dove siamo arrivati, che è decisamente più di quando mi aspettassi all’inizio, contando anche la sporadicità con cui aggiorno, ho deciso che si cambia regime.
Molte cose cambieranno qui sul blog – a partire, come avrete sicuramente notato, dalla nuova grafica, della quale avevo più bisogno di quanto mi piacesse ammettere, e dal nuovo pseudonimo – ma non temete, non ho intenzione di chiudere i battenti. [Non come Gius- UNA CERTA PERSONA che so che mi sta leggendo adesso, AHEM. Sei una banana, socio. E io sono un po' testa di cazzo, ma questo lo sapevamo già e, hey, immagino vada bene comunque. Non tutti possono essere “Mister Perfezione”. Ma d’altro canto non tutti formano una squadra come la nostra.]
Quella che farò sarà solo una “piccola” rivoluzione.
Intanto celebriamo il funerale di Mitsuko e il battesimo di Neeks. Solleviamo i calici e brindiamo, per Zeus!
Quali saranno le modifiche più importanti? (Oltre ad una riorganizzazione delle pagine già in work in progress)
Ovviamente continuerò con i soliti LoungeTalking About e Caffè al Volo, e di questi cercherò di scriverne il più possibile, approfittando delle vacanze per leggere e recensire tanta bella roba, a partire da un progetto sui Lorien Legacies che sono la mia ossessione, senza dimenticare gli Stranger’s Corner; per i quali però mi servite voi quindi fatevi avanti, orsù! (Quindi se Mr. Golds la smette di guardare gli europei di calcio forse possiamo parlare di Once Upon A Time, aiutatemi a scollarlo dalla TV).
Ma in più aggiungerò anche altri post di tipo diverso. Forse è persino la volta buona che lavoro a qualche Cupcake.
Inoltre vorrei fare molte più collaborazioni con altri blog o autori, quindi terrò gli occhi aperti per cercare belle proposte dai blog che seguo. Anzi, se siete nel bel mezzo di un’iniziativa, coinvolgetemi! Io adoro queste cose.
Inaugurerò anche un’altra rubrica, che già prevedo che userò spesso, e che chiamerò “The Pamphlet”.
Perché questo titolo? Semplice, perché io ho il pallino della storia e dei riferimenti colti.
È una parola francese, infatti furono inventati lì. Io li ho scoperti studiando letteratura inglese, poiché in Inghilterra venivano usati lungo il corso del XVIII secolo, e fondamentalmente erano brevi saggi o scritti, molto economici da stampare data la loro ristrettezza, nei quali un autore sosteneva la propria opinione riguardo ad un argomento di attualità, oppure venivano usati per diffondere idee, notizie o per fare propaganda.
Il mio Lounge, fino ad ora, è stato un po' come un castello campato in aria. Non aveva spessore. A volte, non aveva nemmeno significato.
Ed è per questo, che ho deciso che le cose dovevano prendere una direzione diversa.
Voglio portare il mio blog nel mondo reale, e viceversa. Fare post più personali, ma anche post più politici.  
Ecco il perché del “The Pamphlet”. Sarà la rubrica politica, il lato più serio del mio blog.
Direi che, se riesco a tenere botta, ho un bel progetto.
Ho creato un Lounge virtuale, ma mi piacerebbe che sia un posto dove voi venite a confrontarvi. Un posto dove possiamo parlare anche di argomenti scomodi, di attualità, non solo di libri.
Per una volta, voglio fare qualcosa di grande, qualcosa di utile.
Quello che è il mio vero obbiettivo, anche se c’è voluto un po' per capirlo, è diffondere la cultura, in qualsiasi ambito. Vorrei scrivere cose che faccia pensare e magari riflettere.
Per quanto libri, serie, film, siano una cosa che io ami moltissimo, e che non smetterò mai di amare, e che sono mezzi incredibilmente potenti per diffondere una generale cultura di consapevolezza, tolleranza, vicinanza tra le persone, ci deve essere anche qualcos’altro.
Sono sempre stato un feroce attivista sulle mie idee in campo politico o civile, colpa forse della mia testardaggine, e non rinuncerò certo a fare un po' di attivismo anche qui.
A partire, come dicevo prima, dal “The Pamphlet” e da un probabile-in-realtà-ci-sto-ancora-lavorando canale youtube, che però sarà rigorosamente in inglese, per la mia gioia.
Sarà un blog più serio quello che ne uscirà? Non del tutto, o per lo meno mi auguro di no. Parlerò anche di argomenti più seri, ma voi che mi conoscete da più tempo sapete bene quanto mi piaccia prendere le cose con umorismo, quindi di sicuro non sarà una cosa pesante.
Ma per questo c’è tempo.
La cosa importante, ora, è essere qualcosa di reale, qualcosa di vero, senza maschere.
E recuperare tutte le serie TV prima di imbattermi in qualche spoiler.

Au Revoir!

Neeks