Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2015

Talking About: TV Series

Immagine
Once Upon A Time, stagione 4, E. Kitsis, A. Horowitz
Ed eccoci finalmente per l’ultima parte della chiacchierata su OUAT. Mio dio pensavo che non avrei mai finito, ogni volta dovevo sempre dividere il post perché scrivevo un papiro. Intanto che ci prepariamo i cappotti invernali, vediamo dove eravamo rimasti. Emma e Killian tornati dal passato con un peso morto sulle spalle (quasi letteralmente), Regina e Robin che si godono il loro meritato quasi lieto fine, e i Charmin che hanno presentato a tutti il nuovo pargolo, ovvero il principe Neal (how cute. Vi siete chiesti se per quelle scene Neal fosse interpretato dal loro vero figlio Owen? Io sì. Ma su internet non lo dice). E poi il finale a trauma. Perché non potevano farne a meno. E fu così che Frozen approdò a Storybrooke, con Elsa che esce dall’urna a cui nessuno aveva fatto caso che per qualche strano motivo si trovava nella cripta di Tremotino. Tutto sotto controllo. Tranne l’elettricità, che salta. Inconvenienti della vita. Per fort…

Il Lounge di Mitsuko, 3

Immagine
Too many friends, Placebo Prendiamoci una pausa dalle nostre (ma per ora più mie) chiacchiere e parliamo di cosa dovremmo aspettarci. Essendo riiniziata la scuola (per lo meno per me. Tra di voi c’è qualche studente?), sarà più complicato tenere il blog aggiornato, ma farò del mio meglio. Ho in progetto un paio di “Talking About”, ma non vi dico ancora su cosa saranno, che conto di postare quanto prima. Inoltre voglio dare una sistemata alle impostazioni di impaginazione web. Potrà sembrare facile, ma fidatevi, non lo è. Sto ancora cercando di capirci qualcosa. È già un miracolo che al primo tentativo sia riuscita a tirare fuori qualcosa di graficamente decente. (Avete presente quei manuali che vendono nelle librerie, quelli stile “Informativa per principianti”, o “Come usare un computer”? Ecco, io ne avrei bisogno, ahem.) Ma ora vi illustro i progetti futuri, cioè ai due nuovi tipi di post che ho intenzione di fare; oltre ai Talking About, che saranno la prassi, e i miei Lounge. Una del…

Talking About: Film

Immagine
Fantastic 4 (2015), dir. J. Trank
L'altra sera, fedele fino in fondo al mio essere un amante della Marvel, sono andata a guardare il nuovo film dei Fantastici Quattro. In realtà alcuni miei amici me lo avevano descritto come un gran flop, e io stessa non è che fossi particolarmente legata a quel filone in particolare (i miei preferiti sono gli Avengers e i Guardiani della Galassia), quindi ero pronta anche a un eventuale flop.
Quando sono uscita dal cinema il mio primo pensieri è stato “Ecco, questo film finisce sul mio blog. E lo smonterò come un mobile Ikea”. Per me, è no. A questo punto ci si potrebbe chiedere: perché fare un reboot di un film, per poi fare un flop? La risposta non è difficile da trovare. Come avrete notato, in questi ultimi anni la Marvel Studios ha lanciato o rilanciato tantissimi personaggi, aumentando esponenzialmente la cerchia di fan accaniti che vogliono vedere i loro film. In questa situazione mi sembrava scontato che prima o poi anche la Fox adottasse una …

Talking About: Books

Immagine
Candido ovvero l’ottimismo, Voltaire Sì, lo so. Ieri avevo detto che ieri sera avrei pubblicato una chiacchierata su un classico. Ma poi ho pensato “Hey, non posso pubblicare millemila cose in un giorno e poi far passare una settimana nel silenzio. Diluiamo la cosa”. Quindi eccoci qui. Quest’estate, tra i libri da leggere per letteratura c’era un titolo che non sapevo bene come prendere. Si trattava del Candido di Voltaire “un racconto filosofico sul migliore dei mondi possibili”. Io non sono una che giudica i libri dalla copertina (o in questo caso dal sottotitolo), ma non essendo proprio un genio in filosofia mi aspettava chissà qualche tomo filosofico degno di Platone, Aristotele e compagnia. Ora, se qualcuno mi chiedesse di riassumere in una parola il Candido direi semplicemente: delizioso. È un libro squisitamente delizioso, di quelli che leggi in una serata e ti lasciano con un senso di tranquilla allegria. Voltaire usa la storia di Candido come pretesto per dimostrare la validità del…

Talking About: TV Series

Immagine
Once Upon A Time, stagione 3, E. Kitsis, A. Horowitz

Questo post in teoria dovevo pubblicarlo ieri, ma ovviamente internet non va mai quando serve, soprattutto se si vive in piena campagna. Quindi sarà oggi che continueremo la nostra chiacchierata su OUAT (mentre stasera si parlerà di classici, con un libro che ho letto in questi giorni). Come al solito si ringrazia Mr. Golds per la consulenza. (Mi sento una hostess, a parlare così. Facciamo che smetto.)
Beh, bentornati. Riepilogando rapidamente il finale della seconda stagione, troviamo Tamara e Owen (i due villain-marionette) che spariscono in un portale magico creato da uno dei fagioli magici, portando Henry con sé, Neil che era sparito in un altro portale, dopo che Tamara gli aveva sparato, e una super incazzata Emma sulla banchina del porto. Un inizio con i fiocchi. Per fortuna il nostro (ma più mio) amato Killian Jones, aka Capitan Uncino, con il fegato rosicchiato dal rimorso ritorna a Storybrooke cinque minuti dopo, con l’ultimo f…

Talking About: TV Series

Immagine
Once Upon A Time, stagioni 1-2, E. Kitsis, A. Horowitz Bentornati per la seconda parte della nostra chiacchierata su Once Upon A Time! Iniziamo riassumendo al volo la trama generale: per colpa di un potente sortilegio della Regina Cattiva, tutti i personaggi della Foresta Incantata (e non solo!) vengono trasportati nel mondo reale, privati di magia e ricordi e inserito in una cittadina fasulla chiamata Storybrooke, dove iniziano le loro nuove vite, prive però della felicità che avevano prima. Durante il primo episodio vediamo Emma Swan, una giovane donna di Boston che era stata trovata da neonata sul ciglio di una strada ventotto anni prima, che improvvisamente si vede piombare in casa Henry, un ragazzino che le rivela di essere il figlio che lei ha abbandonato dieci anni prima, poiché l’aveva partorito in prigione. Emma, non volendo avere nulla a che fare con lui, decide di riportarlo dalla madre adottiva, che si scopre ben presto essere proprio Regina. Ma arrivati a Storybrooke, Henry…

Talking About: TV Series

Immagine
Once Upon A Time, impressioni generali, E. Kitsis, A. Horowitz In previsione della nuova, quinta, stagione di OUAT prevista per questo mese, userò questo argomento per la nostra chiacchierata di oggi. O per lo meno, una parte, della chiacchierata. È difficile riassumere in un unico post qualcosa come più di novanta episodi da quaranta minuti ognuno. Sarebbe un po’ tanta roba. Quindi dividerò la chiacchierata in tre (o quattro, that’s depend) parti, la prima dedicata alle impressioni generali sui personaggi e la trama perché una serie così lunga è troppo complessa da spiegare in poche parole. (E come ho già detto, sono logorroica). Prima di iniziare: perché ho iniziato una serie che parla di personaggi delle favole? Principalmente perché un mio amico, che per comodità (e privacy, ahem) chiameremo Mr. Golds (sì, Golds con la “s”, ma non vi dico perché), me ne aveva parlato così tanto bene e con così tanto entusiasmo che ho deciso d’impulso di iniziarla a mia volta, e devo dire che ne è fa…

Talking About: Comics

Immagine
Original Sin Thor & Loki, il decimo regno, J. Aaron, A. Elwing, S. Bianchi, L. Garbett Iniziamo parlando di fumetti, in precisione di un albo della Marvel che mi ha assolutamente mandata fuori di testa, ovvero “Original Sin Thor & Loki”. Come già detto in precedenza, la Marvel è la mia piccola grande fissa, ed ho aspettato con trepidazione l’uscita di questo albo per mesi, prima di poterci mettere su le mani. Tre parole a proposito? Totally worth it. La storia (di cui non vi spoilero nulla) è assolutamente geniale, è quel tassello del puzzle che mancava e di cui decisamente avevamo bisogno. E non solo la trama intricata, un intreccio tra passato, presente e futuro, di coincidenze di trovarsi al posto giusto al momento giusto (o nel posto sbagliato al momento sbagliato, dipende dalla prospettiva) vede l’inizio di una storia incredibile, capace di tenerti con il fiato sospeso fino all’ultima vignetta, ma anche i disegni, curati in ogni minimo dettaglio, e le tavole a colori sono un…

Il Lounge di Mitsuko, 2

Immagine
Who I am, David Archuleta Pensavo a una cosa. Pensavo che magari, prima di iniziare a parlare a macchinetta di ciò che mi piace (tendo a essere parecchio logorroica. Estremamente logorroica) farei meglio a dirvi cosa dovrete aspettarvi, quali saranno gli argomenti più toccati. Sono una ragazza dai gusti un po’ particolari, e ai romanzetti rosa e happy ending stile “il vero amore dura per sempre” e annessi, sono una che preferisce generi dove più combattimenti ci sono, più io sono felice. Amo l’azione. E il fantasy. E i gialli, li trovo deliziosi, per quanto riguarda la stimolazione mentale. Non amo molto l’horror, sono un po’ impressionabile (ancora oggi devo chiamare i miei genitori per farmi togliere gli insetti dalle stanze. A eccezione delle zanzare, con cui ingaggio lotte all’ultimo sangue. Letteralmente). Le uniche cose un po’ splatter di cui mi sentirete parlare sono Claymore (Norihiro “il sadico” Yagi), che è in assoluto il mio manga preferito, e la serie tv Hannibal, che ancora …

Il Lounge di Mitsuko, 1

Immagine
What are you waiting for, Nickelback




Quando mi sono definitivamente decisa ad aprire questo blog, il mio cervello stava trasmettendo in loop “What are you waiting for” dei Nickelback, una delle canzoni più belle che abbia mai sentito. E quella è stata esattamente la domanda che mi sono posta. “Che cosa sto aspettando?”. È un bel po’ di tempo ormai che questa idea del blog mi girovagava per la testa, rimbalzando come una pallina da tennis. Quindi mi sono decisa. Prima di iniziare, però, vorrei che sapeste perché ho aperto codesta cosa, come l’ho definita per ore, non sapendo assolutamente che nome dargli. Lo scopo di questo blog sarà lo svago, una pura e semplice chiacchierata tra amici, proprio come se stessimo seduti ad un Lounge di alta classe a bere cocktail o the inglese. Di cosa parleremo? Beh, di ciò che più ci piace, dai libri, ai film, ai fumetti, alle serie tv. A qualunque cosa sottoponga la mia mente a una sfida intellettuale. E vi parlerò di me, raccontandovi chi sono tramite le …